Software ERP Trend.NET Enterprise - La Guida Per Tutti

Questo documento e' un’introduzione, una piccola guida, alle tecnologie con cui e' stato pensato, progettato e realizzato l’applicativo gestionale ERP Trend Enterprise. La versione per tutti.



INTRODUZIONE

Trend Enterprise è un software client-server che opera in ambiente .NET, realizzato con una architettura di tipo n-tier o multi-tier, /public/immagini/Tecnologie/Schema_Applicativo.jpg un aggettivo che può essere spiegato come “applicazione a enne-strati o livelli”. Quali sono, dunque, gli strati che costituiscono un software multi-strato? Teoricamente sono tre (3-tier): Presentazione dei Dati, Accesso ed Elaborazione dei Dati e Sistema di Gestione dei Dati. Il primo è l’interfaccia utente, il secondo è il motore dell’applicazione che trasforma i dati, il terzo è il sistema che memorizza e gestisce i dati, comunemente chiamato database. I vantaggi della stratificazione sono dovuti al fatto che, per apportare modifiche alle procedure, è sufficiente modificare solo il livello interessato alle variazioni, il che rende l’applicazione molto flessibile e le parti del livello intermedio utilizzabili per più di una procedura. L’architettura di Trend Enterprise è di tipo 4-tier.

TREND ENTERPRISE E I SUOI COLLEGHI

Facciamo alcune considerazioni che ci permetteranno di distinguere Trend Enterprise dalla maggior parte degli altri software gestionali, attualmente reperibili nel mercato: la maggior parte di questi sono progettati con una architettura di tipo 2-tier, a due livelli. Solitamente, infatti, uno strato contiene sia le interfacce sia le logiche di elaborazione dei dati e un altro comprende i dati stessi. Si può affermare che quest’architettura, implicitamente, limita l’utilizzo del software o le sue capacità, ad esempio:
1- Un software 2-tier sarà un’applicazione desktop o per il web o per un altro tipo d’infrastruttura, ma non entrambe.
2- Il database, che contiene i dati, determina lo sviluppo dell’applicazione; ne consegue che non è possibile scegliere tra diversi “database”.
3- I programmatori, quando sviluppano una nuova interfaccia, devono riscriverla insieme alle logiche per l’elaborazione dei dati e queste non saranno riutilizzabili.
Questo perché i suddetti software sono stati realizzati, probabilmente, con strumenti che risalgono agli anni passati e che non avevano le prerogative che avrebbero permesso ai programmatori di sviluppare diversamente. In questo caso tutti i produttori di software dovranno fare i conti con la politica di Microsoft che, in un periodo di circa 3 o 4 anni, non riproporrà la compatibilità dei nuovi sistemi operativi con questi strumenti. In caso diverso non avrebbe nessuna logica, pensando al futuro, scegliere questo tipo di architettura.

L’ARCHITETTURA DI TREND

Abbiamo detto che Trend Enterprise è un software client-server con architettura n-tier, e precisamente 4-tier; è stato realizzato per l'ambiente .NET con il linguaggio di programmazione C# (C-Sharp) di Microsoft. Lo schema successivo mostra i quattro strati e, per ognuno di essi, i contenuti tecnologici e “sottostrati” di cui si compongono.

RDBMS, RELATIONAL DATABASE MANAGEMENT SYSTEM

Lo strato RDBMS è il più semplice da comprendere. Comunemente chiamato database, è identificato, spesso e in maniera semplicistica, con “l’Archivio dei Dati”. Con le architetture di tipo 1, 2, 3-tier, i programmatori sono obbligati a sviluppare le logiche dei software in funzione del RDBMS che sarà utilizzato. L’architettura 4-tier, al contrario, permette l’indipendenza dell’applicazione dal RDBMS, poiché uno strato di cui parleremo in seguito, l’ORM, funge da “interprete” tra il database e il livello dell’applicazione stessa, detta CORE oppure MODEL. Ciò è molto importante, perché in questo modo Trend Enterprise diventa “RDBMS Indipendente” e, le aziende che lo adotteranno, potranno scegliere il database in funzione delle proprie esigenze, oppure, eventualmente, utilizzare quello di cui già dispongono.
In effetti, purché il RDBMS sia compatibile con le specifiche del mondo ADO.NET potrà essere utilizzato con il nostro applicativo. Si contano ormai oltre cinquanta “database”, compatibili con ADO.NET, tra i quali sono compresi SQL, Oracle e MYSQL.

ORM, OBJECT-RELATIONAL MAPPING

Abbiamo già accennato alla funzione di “interprete” dello strato ORM tra il livello MODEL o CORE, e il RDBMS che determina l’indipendenza dell’applicazione .NET dal sistema che gestisce i dati. L’ORM di cui è dotato Trend Enterprise è ENTITY FRAMEWORK, un componente di .NET Framework 4.5 di Microsoft, cui abbiamo implementato TDEF, Trend Dynamics Entity Framework.
EF, ENTITY FRAMEWORK, rende disponibili al MODEL (il motore dell’applicazione) i dati contenuti nel database, secondo la tecnologia ADO.NET. La prerogativa più interessante è che i programmatori non devono conoscere quale database sarà utilizzato dall’applicazione; questo consente loro di scrivere molto meno codice per l’elaborazione dei dati in quanto l’accesso agli stessi è gestito dall’interprete. L’ORM converte le operazioni richieste dall’applicazione nei comandi specifici del RDBMS cui è connesso. È stato necessario implementare nell’ORM un sottostrato con funzioni specifiche quali, ad esempio, la gestione di architetture multiprocessore, l’ottimizzatore della velocità di accesso ai dati e una gestione avanzata del blocco dei record per una migliore amministrazione dei casi di concorrenza sui dati. Ulteriormente sono state implementate numerose librerie che permettono l’accesso dinamico ai dati.

MODEL O CORE

Lo strato CORE è il motore dell’applicazione Trend Enterprise. È un insieme di librerie che sono utilizzate dallo strato APPLICATION per esporre i dati. È necessario descrivere questo strato in modo meno semplicistico, considerandolo dal punto di vista degli sviluppatori: essi vedono il MODEL, unitamente all’ORM, come il supporto per creare le APPS di Trend Enterprise. Questa unione è TREND FRAMEWORK, TF.
TF, in pratica, è una collezione di comandi, routine, tools, controlli, classi e librerie che gli sviluppatori hanno a disposizione per implementare le APPS che, in definitiva, sono ciò che l’utilizzatore considera come il software vero e proprio. TF unisce le logiche generiche di .NET Framework 4.5 e del suo componente Entity Framework, a quelle specifiche, e necessarie per una applicazione gestionale, di Trend SDK e Trend Dinamic Entity Framework. La caratteristica più importante del MODEL è che il set di comandi, routine, controlli e classi che comprende, è disponibile per più di un applicazione, è riutilizzabile. Questo permette ai programmatori di non riscrivere tali componenti per ogni applicazione, il che riduce il tempo di sviluppo e limita la possibilità di errori. Queste parti, inoltre, possono essere implementate e/o sostituite per accrescere la versatilità e flessibilità del framework senza che ne risentano gli altri strati.

APPLICATION

Lo strato APPLICATION è quello che l’utilizzatore considera come il vero e proprio software. In questo livello si trovano le interfacce grafiche, che si collegano ai componenti del MODEL, per l’esposizione dei risultati delle elaborazioni.
Due, soprattutto, sono le caratteristiche importanti di questo livello.
Una è che le APPS possono essere scritte in uno qualsiasi dei linguaggi che supportano la tecnologia .NET. Questo permette ai programmatori di costruire nuove applicazioni per gli utenti sfruttando le competenze di cui, eventualmente, già dispongono.
Non meno importante, il fatto che sia possibile sviluppare applicazioni per infrastrutture diverse, non solo quindi applicazioni desktop per Windows, ma anche per il Web e per sistemi mobile senza perdere il supporto del framework di Trend.



Clicca qui per vedere il video



 



Indice Contenuti


I nostri Video

Guarda tutti i video